Favole della Buonanotte- Storie per bambini - Greta e il grande albero

Greta e il grande albero

Ci fu un tempo in cui tutte le fate del sottobosco furono chiamate a raccolta nel regno magico perché nel mondo degli umani stavano succedendo cose molto pericolose e dovevano intervenire tutte insieme per evitare la catastrofe.

Durante quel lungo periodo di assenza i troll, per il solo fatto di essere più grandi, grossi e ricchi dei folletti, iniziarono a dettare le regole del sottobosco. A loro piaceva divertirsi e non lavorare per cui iniziarono a organizzare la giornata…

Al mattino sveglia tardissimo… “Basta con le sveglie mattutine per andare a scuola”, dicevano.

E ovviamente a scuola ci si andava raramente, se e quando avevano voglia… Appena alzati una colazione con 20 banane, 30 kiwi e cioccolata, tanta cioccolata. Una volta che la colazione era finita, dopo più di un’ora, ognuno di loro trascorreva ciò che restava della mattinata oziando, all’ombra di qualche albero e i più attivi, pochi a dire il vero, giocavano a palla o a carte…

Il pranzo era ancora più abbondante della colazione con carne pesce e frutta, e pasta, tanta pasta.

Il pomeriggio, dopo un pisolino di almeno due ore, tutti i troll andavano a vedere le gare delle ranocchie e si azzuffavano per tifare per l’una o per l’altra.

Al tramonto arrivava il momento della cena e anche quella era ricchissima di cibo di ogni genere, formaggi, latticini salumi e frutta.

I folletti, a loro volta, non ci misero molto ad adeguarsi allo stile di vita dei troll, niente scuola, cibo in abbondanza e divertimento ad ogni ora. Niente studio, niente lavoro e soprattutto nessun orario.

Addirittura i folletti cominciarono ad essere felici della mancanza delle dolci fatine, e cominciarono a credere che fossero molto meglio i troll…

Il tempo passava e il grande albero borbottava sempre più forte… Una piccola troll di nome Greta si avvicinò al grande albero e gli chiese cosa avesse da borbottare… Il grande albero disse:

Se continuate a usare tutte le risorse del sottobosco in modo così sconsiderato, e nessuno si preoccuperà di produrre quello che serve per la sopravvivenza di tutti i giorni, molto presto non avrete più di che vivere.

La piccola Greta prese molto sul serio le parole del grande albero e immediatamente andò dai suoi amici troll a raccontare ciò che le aveva detto, cioè che non dovevano utilizzare le risorse del sottobosco in quel modo e che avrebbero dovuto produrre almeno la stessa quantità di risorse sfruttate durante una giornata prima di ricominciare a consumare.

Questo significava lavorare, mangiare meno e soprattutto studiare per trovare il modo di creare più frutta, più piante e alberi.

I troll non vollero capire l’allarme lanciato da Greta e continuarono a consumare tutto quanto il sottobosco offriva. Per fortuna però tutti i folletti si fidarono delle sue parole e da quel momento iniziarono a rispettare le indicazioni del grande albero.

Si alzavano presto, facevano una giusta colazione e andavano a scuola. Pranzavano velocemente e il pomeriggio andavano a coltivare i campi per produrre frutta, grano e allevare i loro animali per il latte, il formaggio e le uova. Iniziarono a produrre più di quello che consumavano e fecero anche alcune scorte.

I troll ben presto non ebbero più di che vivere e cominciarono a soffrire la fame, soprattutto non sapevano più che fare perché avevano dimenticato come si coltivava la terra e come si allevavano gli animali.

Chiesero aiuto ai piccoli folletti che furono subito molto disponibili ad aiutarli chiedendo in cambio di seguire le stesse regole e di impegnarsi nel lavoro e nella scuola.

I troll si guardarono fra loro e dopo un attimo di titubanza, presi dai morsi della fame, accettarono.
Il sottobosco divenne florido e le risorse che si producevano avrebbero potuto sostenere anche più troll e più folletti perché tutti erano attenti a consumare meno di quello che si produceva.

E quando finalmente le dolci fatine tornarono e videro quel mondo così sostenibile pensarono:

Per fortuna che qui nel sottobosco non ragionano come gli umani!!!

Scegli un’altra storia della buonanotte!

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Sei perciò libero di condividere, copiare e ridistribuire le storie in ogni media e formato con obbligo di citare la fonte e il sito.

Quanto ti è piaciuta la nostra storia?

8 pensieri su “Greta e il grande albero

    1. Grazie Andrea! Il tuo affetto ci fa venire tanta voglia di scrivere ancora tante storie. Ti aspettiamo! 🤗

       

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.