Favole-per-bambini-sulla-fiducia

Il tesoro più bello

Un brutto giorno il folletto fucsia si svegliò e si accorse che non aveva più con sé la sua pentola di monete d’oro.

Era disperato perché non avrebbe potuto più fare le sue magie e sopratutto sapeva che dopo un mese senza la sua pentola avrebbe perso i suoi poteri per sempre e sarebbe diventato un bambino (e a lui i bambini non piacevano per niente).

Allora andò di corsa dalla fatina verde e le disse che aveva perso la sua preziosa pentola. La fatina lo tranquillizzò e gli promise che avrebbe cercato anche lei. Gli disse di tornare l’ultimo giorno prima di diventare un bambino.

Il folletto fucsia andò via fiducioso e continuò a girovagare nel bosco alla ricerca della sua pentola. E si stancò a tal punto che si addormentò sotto una grande quercia. Passava di li una giovane coppia, un uomo e una donna che erano ormai sposati da molti anni.

Erano molto tristi perché non avevano avuto figli e questo li rendeva infelici. Quando videro il folletto che dormiva pensarono fosse un bambino perso nel bosco. Lo svegliarono dolcemente e gli chiesero se si fosse perso e lui non rispose perché sapeva che nessun umano avrebbe dovuto mai conoscere il regno incantato del sottobosco. Allora lo portarono con se fino alla città più vicina e chiesero se un bambino si fosse perduto nel bosco. Per fortuna nessun bambino si era perso e quindi ritornarono a casa con il piccolo.

Ovviamente cominciarono immediatamente a trattarlo come un figlio lo nutrivano, lo vestivano e lo coccolavano e lui si sentiva più felice che mai. Allora decise che sarebbe rimasto per sempre con quelle due meravigliose persone che aveva iniziato a chiamare papà e mamma e che lo chiamavano Matteo.

Arrivò il giorno in cui la fatina lo aspettava e andò da lei sperando che non avesse trovato nulla. Appena arrivato la fatina lo accolse a braccia aperte e gli disse …

caro folletto fucsia non dovrai diventare un bambino perché ho ritrovato la tua pentola.

Ovviamente la fatina si meravigliò molto quando vide il folletto intristirsi e abbassare gli occhi….

non vorrei più essere un folletto… vorrei restare un bambino…. ho trovato una mamma e un papà e vorrei restare insieme a loro e crescere come loro.

La fatina capì, sorrise e disse … non preoccuparti la tua pentola andrà ad un altro folletto che nascerà oggi e tu sarai per sempre un bambino e dimenticherai di essere stato un folletto. Torna pure alla tua famiglia.

E fu così che il … bambino visse felice e contento con i suoi genitori.

Quanto ti è piaciuta la nostra storia?

2 pensieri su “Il tesoro più bello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.